Incontro con Eugenio Bennato

22 Febbraio 2020. Ore 10. Aula Magna del Liceo Fermi gremita, affollata, viva, mentre Eugenio Bennato parla con gli studenti delle quarte e delle quinte classi di brigantaggio, di Mezzogiorno, e di Enrico Fermi, cui la scuola è intitolata, per dimostrare quanto sia importante essere innovativi, credere in ciò che si fa e testimoniare le proprie idee con coraggio e con convinzione, e quanto sia ricco di echi , di risonanze e di produzioni il patrimonio culturale del Sud d’Italia e del mondo.

Tre brani musicali significativi e simbolici (“Questione meridionale”, “Ninco Nanco”, “Mediterraneo”)di forte coinvolgimento, introdotti dal maestro e poi eseguiti dal suo gruppo musicale, che hanno saputo evocare e suggerire atmosfere e ricordare l’importanza della storia, del ricordo, delle tradizioni popolari in un mondo ammalato di presentismo e di consumismo.

I ragazzi lo hanno ascoltato in religioso silenzio, quando le sue parole lo richiedevano e con partecipazione entusiastica quando i ritmi “mediterranei” ed i testi emozionanti li ammaliavano e li coinvolgevano.

Una standing ovation di battiti di mano e di esultanza per un cantautore di grande umanità, di profonda sensibilità, che è riuscito ad empatizzare e a far riflettere.

#lascuolaoltrelascuola

#eugeniobennato

#liceofermi

#ilMezzogiorno

Pubblicata il 22 febbraio 2020

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta l’informativa estesa sui cookie. Proseguendo la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie.