La didattica modulare

La didattica di carattere modulare risponde all’esigenza di strutturare i programmi delle singole discipline in blocchi compiuti, quindi autonomi, che mirano a sviluppare competenze individuate e che possano essere conseguite in modo capitalizzabile. Un modulo di apprendimento è un percorso coordinato in modo sistemico che fa riferimento ad un unico discorso portante, organizzato attorno ad un nucleo contestuale centrale, in modo che l’intera struttura di unità didattiche appaia, e funzioni, come un preciso sistema di riferimenti.

La progettazione per competenze

Gli obiettivi di apprendimento promossi nel Polo sono tesi all’acquisizione delle competenze chiave di cittadinanza e fondati sulle competenze, conoscenze ed abilità, a loro volta riferite ai quattro assi culturali: asse dei linguaggi, asse storico-sociale, asse logicomatematico e asse scientifico-tecnologico. Certificazione delle competenze La certificazione delle competenze, articolate in conoscenze ed abilità, con l’indicazione degli assi culturali di riferimento, è effettuata dai Consigli di Classe, al termine dell’obbligo d’ istruzione. Il Quadro europeo delle Qualifiche e dei Titoli contiene le seguenti definizioni:

• “Conoscenze”: indicano il risultato dell’assimilazione di informazioni attraverso l’apprendimento. Le conoscenze sono l’insieme di fatti, principi, teorie e pratiche, relative a un settore di studio o di lavoro; le conoscenze sono descritte come teoriche e/o pratiche.

• “Abilità”: indicano le capacità di applicare conoscenze e di usare know-how per portare a termine compiti e risolvere problemi; le abilità sono descritte come cognitive (uso del pensiero logico, intuitivo e creativo) e pratiche (che implicano l’abilità manuale e l’uso di metodi, materiali, strumenti).

 • “Competenze” indicano la comprovata capacità di usare conoscenze, abilità e capacità personali, sociali e/o metodologiche, in situazioni di lavoro o di studio e nello sviluppo professionale e/o personale; le competenze sono descritte in termine di responsabilità e autonomia. Ciascuna competenza verrà certificata rispetto ai livelli di acquisizione della stessa. La certificazione verrà rilasciata su un apposito “Certificato delle competenze di base” predisposto dal MIUR all’atto dell’assolvimento dell’obbligo di istruzione, su richiesta dello studente interessato.

Le programmazioni dipartimentali

L’attività didattica si articola per dipartimenti disciplinari che costituiscono l’ambito all’interno del quale si approfondiscono percorsi metodologici, si fa ricerca didattica, si costruiscono progetti, si propongono attività di discipline affini e si propongono attività di aggiornamento, si attivano iniziative di recupero e di approfondimento I Dipartimenti individuano, secondo un principio di uniformità, i nuclei tematici delle singole discipline e li suddividono in moduli, intesi come percorsi di saperi interconnessi ma anche autonomi. La scuola ricerca il coinvolgimento degli studenti attraverso:

• Il dialogo quotidiano, l’attenzione agli aspetti motivazionali, l’ascolto, l’attivazione di strategie di prevenzione e riduzione delle situazioni di disagio

• La definizione con gli studenti e le famiglie di un patto educativo di corresponsabilità;

• L’esplicitazione dei percorsi; • La chiarezza nella comunicazione;

• La trasparenza nelle procedure. I singoli Dipartimenti Disciplinari concorderanno le metodologie più consone alla realizzazione dei percorsi didattici, nella consapevolezza che le discipline sono strumenti di conoscenza, che utilizzano linguaggi specifici, metodi di ricerca propri. Le metodologie concordate nei dipartimenti risultano le seguenti:

 • Lezione Frontale • Lezione Pratica • Problem Solving • Lavoro di Gruppo • Discussione Guidata • Simulazione • Scoperta Guidata • Cooperative Learning • Tutoring

 Le programmazioni disciplinari Individuali

Gli insegnanti elaborano la propria programmazione disciplinare articolandola in unità didattiche. Successivamente coordinano il loro piano di lavoro all'interno del Consiglio di classe, predispongono percorsi di insegnamento/apprendimento, finalizzati all’acquisizione di contenuti da inserire in una rete di relazioni concettuali. Gli insegnanti del triennio comunicano preventivamente agli alunni i rispettivi periodi di verifica e valutazione. L’attività didattica adotta modalità diverse a seconda delle esigenze della classe e degli stili di insegnamento dei docenti. Nella programmazione degli interventi educativi gli insegnanti della classe concordano nel:

•fissare tempi e modalità di apprendimento degli alunni;

•stabilire un curriculum a spirale con periodiche ripetizioni (feed-back);

•programmare esercitazioni in classe e lavori di gruppo mirati al recupero e al consolidamento delle conoscenze basilari dei programmi svolti.

 



Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta l’informativa estesa sui cookie. Proseguendo la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie.